Questo sito fa parte di NotizieOra network

Senza categoria

Unorthodox, una miniserie Netflix imperdibile

Unorthodox è una miniserie in 4 puntate targata Netflix, unica nel suo genere e assolutamente da non perdere

Unorthodox, la miniserie da non perdere

Unorthodox è il titolo di una miniserie targata Netflix in 4 puntate che ha convinto tutti, pubblico e critica, un consenso che difficilmente viene riscontrato. Ma perchè Unorthodox è piaciuta così tanto?

Unorthodox, una miniserie Netflix imperdibile

La miniserie “Unortthodox” prodotta da Netflix, racconta le vicende di una ragazza di 19 anni, Esther “Esty” Shapiro che vive a Brooklyn, nella comunità di Williamsburg ed è di fede ultra ortodossa chassidica. Le regole interne sono assai ferree, un ebraismo ortodosso che rasenta il fanatismo.

Esther ha sposato Yanki, un matrimonio combinato, lui studia nel Talmud. La ragazza comincia a non reggere più i tanti limiti imposti dalla comunità, subisce la pressione continua che la spinge ad avere figli, vive una relazione dove è infelice e ad un certo punto decide di seguire le orme della madre cacciata dalla comunità, cercando di raggiungerla a Berlino.

Unortthodox si ispira ad una storia vera

La miniserie Netflix che consta di 4 puntate, è tratta dal romanzo autobiografico di Deborah Feldman, ex ortodossa. La storia narrata in Unortthodox non è la fedele riproduzione della vita dell’autrice, si ispira ad essa, alla volontà di sottrarsi alle imposizioni chassidiche, ma poi il racconto presenta molte parti inventate.

La miniserie mette in evidenza ciò che rappresenta una comunità ebrea ultra ortodossa con tutti i riti e le regole imposte che si basano ovviamente sulla forte limitazione della libertà personale per la donna che deve essere sempre modesta e umile, che non può studiare nè lavorare, ma solo sposarsi con un uomo prescelto da altri. Gambe e braccia devono restare coperte, i capelli devono essere rasati e c’è l’obbligo di portare un copricapo.

Una serie fuori dagli schemi e di alta qualità

Unorthodox è sicuramente una miniserie che nulla a che fare con le produzioni Netflix che mirano a seguire le tendenze.E’ fuori dagli schermi e anche per questo da non perdere, non sarà certamente somigliante ad altre. La vita nella comunità ebraica ultra ortodossa di Williamsburg e quella di Berlino, due mondi diametralmente opposti. E’ molto interessante vedere come Esther “Esty” proverà ad inserirsi in una cultura ultra moderna e tecnologica, completamente estranea ai suoi primi 19 anni di vita. “Unorthodox” è quasi interamente girata in yiddish, ovvero un dialetto arcaico “giudaico-tedesco”.

La protagonista

Shira Haas è un’attrice israeliana di 24 anni, nata a Tel Aviv da una famiglia ebrea. Ha interpretato sempre ruoli drammatici. Trova consacrazione e popolarità grazie alla miniserie “Unorthodox”, interpretando la protagonista Esty.

 

Informazioni sull'autore

Scrivere è per me una mission che si pone l'obiettivo di informare e di incuriosire il lettore. Grazie all'impegno profuso e spinto da una passione smodata ne ho fatto la mia professione da un decennio. Predligo argomenti di sport, non solo calcio, così come di tv in generale. Mi diletto anche nel settorie lotterie e sono appassionato di astrologia, La mia competenza può essere giudicata solo dall'usufruitore dei miei contenuti.
    Articoli correlati
    Senza categoria

    Ennio Morricone morto a 91 anni

    Senza categoria

    Formula 1: Wolff vuole che Hamilton accetti un taglio di stipendio per rinnovare

    Senza categoria

    Uomini e Donne, anticipazioni puntata di oggi 5 maggio 2020

    Senza categoria

    Checco Zalone omaggia Modugno nel video con Virginia Raffaele "L'immunità di gregge"