Questo sito fa parte di NotizieOra network

Senza categoria

Gazzelle: “Ora che ti guardo bene” è il suo nuovo brano dedicato a chi soffre

“Ora che ti guardo bene” è la nuova canzone di Gazzelle scritta durante la quarantena. Video e testo

Gazzelle - Ora che ti guardo bene -

Il cantautore romano Gazzelle, ha voluto regalare un abbraccio a tutti coloro che soffrono in questa situazione emergenziale da Coronavirus con una nuova canzone “Ora che ti guardo bene”, i cui proventi saranno devoluti all’ospedale Spallanzani di Roma.

Gazzelle: “Ora che ti guardo bene” è il suo nuovo brano dedicato a chi soffre

Ulltimamente, sono tanti i protagonisti della musica italiana che si stanno muovendo per regalare un abbraccio, un sorriso, un messaggio di speranza a tutti gli italiani che più di altri stanno soffendo particolarmente l’emergenza da Covid-19. Qualcuno lo ha fatto oltre le parole, creando fondazioni e raccolte fondi che sono certamente molto utili alla causa, il discorso vale anche per altri VIP che non sono nel mondo della musica o dello spettacolo.

Tornando alla categoria cantanti, ha deciso di dare un suo contributo anche Gazzelle (Flavio Pardini all’anagrafe), con un nuovo brano prodotto a distanza da Federico Nardelli “Ora che ti guardo bene” e annunciandolo via social. Il cantautore romano, se da un alto rivolge un abbraccio virtuale a tutti i fans ma anche a chi patisce più di altri l’emergenza Coronavirus, dall’altro si pone l’obiettivo di devolvere i guadagni del suo singolo all’ospedale Spallanzani di Roma.

Il video della canzone

Il testo del brano “Ora che ti guardo bene” di Gazzelle

E ti ricordi com’è che si fa
la vita mescolata insieme
e poi divisa di nuovo a metà
mentre corriamo in queste stanze
sta casa è così grande
che lavoro fa, wow, il tuo papà
ti piacerebbe andare sulla luna
portiamo un sacco a pelo
e rimaniamo là
mentre sul mondo piove forte
suoniamo un pianoforte
cantiamo insieme na na na

Ora che ti guardo bene
sembri proprio come me
e non so se è un male o un bene
ma sto meglio insieme a te

E ti ricordi che sapore che ha
quel bacio dato a vuoto sotto casa
quando ridevi ah ah
mentre la luce di un lampione illuminava un fiore
c’è un gatto col tuo nome, mia dove va
ti piacerebbe stare sotto al sole
sdraiati su un balcone e rimaniamo là
mentre la strada brucia male
non ti farò del male, ti giuro mai, mai

Ora che ti guardo bene
sembri proprio come me
e non so se è un male o un bene
ma sto meglio insieme a te

Ora che ti guardo bene
sembri proprio come me
e non so se è un male o un bene
ma sto meglio insieme a te

Informazioni sull'autore

Scrivere è per me una mission che si pone l'obiettivo di informare e di incuriosire il lettore. Grazie all'impegno profuso e spinto da una passione smodata ne ho fatto la mia professione da un decennio. Predligo argomenti di sport, non solo calcio, così come di tv in generale. Mi diletto anche nel settorie lotterie e sono appassionato di astrologia, La mia competenza può essere giudicata solo dall'usufruitore dei miei contenuti.
    Articoli correlati
    Senza categoria

    Ennio Morricone morto a 91 anni

    Senza categoria

    Formula 1: Wolff vuole che Hamilton accetti un taglio di stipendio per rinnovare

    Senza categoria

    Uomini e Donne, anticipazioni puntata di oggi 5 maggio 2020

    Senza categoria

    Checco Zalone omaggia Modugno nel video con Virginia Raffaele "L'immunità di gregge"