Questo sito fa parte di NotizieOra network

Sport

Ferrari non sarà competitiva in F1 fino al 2022 secondo Elkann

Il Presidente della Ferrari John Elkann ha dichiarato che si aspetta che almeno fino al 2022 il suo team non sarà competitivo in F1

Sebastian Vettel

Il presidente della Ferrari John Elkann ammette che è improbabile che il suo team sia in grado di vincere in Formula 1 prima di una revisione del regolamento nel 2022. Importanti modifiche alle norme tecniche volte a chiudere il campo erano originariamente previste per il 2021 ma sono state ritardate fino al 2022 a causa di una serie di misure di riduzione dei costi applicate dalla F1 come conseguenza diretta della pandemia di coronavirus.

La Ferrari ha subito un inizio difficile nel 2020 dopo aver preso la direzione sbagliata con il suo concetto di design automobilistico in questa stagione e, con lo scopo di sviluppo limitato per l’anno successivo con i team costretti a trasportare le loro auto nel 2021, il team italiano deve affrontare la possibilità che anche il prossimo anno i suoi problemi continueranno.

Parlando in una rara intervista con la Gazzetta dello Sport, John Elkann ha chiesto pazienza ai fan della Scuderia, mentre ha anche espresso “totale fiducia” nel team principal Mattia Binotto. “Quest’anno non siamo competitivi a causa di errori di progettazione delle auto”, ha affermato Elkann. “Abbiamo avuto una serie di punti deboli strutturali che esistono da tempo nell’aerodinamica e nella dinamica del veicolo. Abbiamo anche perso la potenza del motore.

“La realtà è che la nostra auto non è competitiva. L’hai vista in pista e la rivedrai. “Stiamo gettando le basi per essere competitivi e tornare a vincere quando le regole cambieranno nel 2022. Ne sono convinto”, ha aggiunto. “Binotto ha le caratteristiche e le capacità per iniziare un nuovo ciclo vincente”. “Ci aspetta un lungo cammino. Quando Todt ha iniziato lo storico ciclo [di cinque titoli consecutivi] nel 2000, siamo arrivati ​​da un digiuno che è durato per più di 20 anni, dal 1979.

“Ci è voluto del tempo, da quando è arrivato nel 1993 a quando ha riportato la Ferrari alla vittoria. L’importante, quindi, è lavorare su e fuori pista, portando coesione e stabilità, costruendo la Ferrari che vogliamo passo dopo passo.” La Ferrari è attualmente quinta nel campionato costruttori dopo le tre gare di apertura e ha ottenuto il miglior risultato del secondo posto, raggiunto da Charles Leclerc durante un folle Gran Premio d’Austria di apertura della stagione.

Elkann ha anche parlato della decisione della Ferrari di separarsi dal quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel e sostituirlo con l’attuale pilota della McLaren Carlos Sainz per il 2021. “Negli ultimi 10 anni abbiamo avuto campioni come Fernando Alonso e Vettel, che sono stati campioni del mondo”, ha spiegato Elkann. “Ma è indubbiamente più difficile ricostruire un ciclo e chiedere pazienza a coloro che hanno già vinto rispetto a quelli che hanno il futuro davanti a sé.

“Stiamo gettando le basi per costruire qualcosa di importante e duraturo, e il contratto che abbiamo firmato con Charles lo dimostra: cinque anni, mai così a lungo nella storia della Ferrari. “Leclerc e Sainz faranno di Maranello la loro casa, saranno vicini ai nostri ingegneri. La nuova macchina nascerà con loro.”

Ti potrebbe interessare: Prima Vettel andrà via dalla Ferrari meglio sarà secondo Webber

Articoli correlati
Sport

Calciomercato: Zlatan Ibrahimovic avrebbe deciso di restare al Milan

Sport

Il Gran Premio d'Italia di Monza si svolgerà senza fan

Sport

Calciomercato: cambio di piano per Bonaventura?

Sport

Calciomercato: la Juventus negozia l'uscita di Khedira